ENDOTERAPIA
INIEZIONI FITOSANITARIE ENDOTERAPICHE (I.F.E.)

Le aree urbane delle nostre città, i viali, i giardini e le aiuole sono spesso interessate da forti infestazioni di parassiti che ne rendono a volte disagevole la fruizione . 
I principali attacchi sono causati dalla Cameraria ohridella sugli ippocastani su cui provoca la riduzione dello sviluppo vegetativo e nei casi più gravi la defogliazione anticipata dell'albero e dalla Corythuca ciliata sui platani le cui punture provocano una caratteristica decolorazione localizzata prevalentemente nella parte centrale della foglia. 
Il metodo che consente la salvaguardia del verde urbano e privato ed una valida soluzione per la lotta contro tali manifestazioni parassitarie, difficilmente controllabili con i trattamenti tradizionali, è l'endoterapia.

 

PROCEDURE OPERATIVE

I principali vantaggi offerti da questa metodologia di applicazione sono: 

•Massima efficacia 

•Minima dispersione di prodotti fitosanitari nell'ambiente 

•Interventi mirati 

•Criteri di lotta integrata 

•Rispetto delle norme vigenti 

•Sicurezza dei cittadini e basso impatto ambientale 

•Protezione degli insetti utili 

L'endoterapia consiste principalmente in iniezioni di sostanze con proprietà sistemiche iniettate direttamente neltronco della pianta e attraverso il sistema vascolare della stessa, la soluzione viene distribuita omogeneamente nella chioma e offre protezione per tutta la stagione.


L'endoterapia inoltre è attuabile in tutte le condizioni climatiche, non è dannosa per l'ambiente in quanto non vi è dispersione nell'aria; il suo impiego è consentito anche su piante di notevoli altezze ed in prossimità di abitazioni. 

 


 

ELENCO DEI LAVORI SIGNIFICATIVI

Trattamenti endoterapici fitosanitari


Città di Torino - Alberate di ippocastano (n° 3.000 piante) trattamento contro insetto Cameraria ohridella
Golf club Le Fronde, Avigliana – Alberate di ippocastano trattamento contro insetto Cameraria ohridella e Guignardia aesculi
Comune di Avigliana (TO) – Intervento curativo di 24 Platani siti in Piazza del Popolo
Comune di Paderno Dugnano (MI) – Trattamento curativo di 4 Quercus ilex presso Parco Lago Nord

 





PERCHE’ E’ UTILE LA VALUTAZIONE DELLA STABILITA’ DEGLI ALBERI?

 

La valutazione della stabilità degli alberi, soprattutto in aree con intensa fruizione pubblica, quali scuole e giardini pubblici, sta acquisendo sempre maggiore importanza. 
Numerosi sono i Comuni che effettuano già tale valutazione; ciò grazie alla consapevolezza che anche alberi apparentemente in buona salute possano nascondere insidiosi difetti e quindi essere soggetti ad improvvisi schianti, pericolosi su strade trafficate o spazi verdi molto frequentati.
Determinare precocemente il rischio di caduta degli alberi consente di intervenire per tutelare la sicurezza di persone ed infrastrutture.
Accanto a questo importante fattore, una diagnosi precoce di eventuali degradazioni del legno permette un intervento tempestivo per il recupero dell’albero.
Il Comune si autotutela poiché la responsabilità di eventuali danni a cose e persone provocati dallo schianto degli alberi ricade proprio sull’Amministrazione.
Il Comune può avere a disposizione una banca dati aggiornata annualmente sulla composizione e sul valore del patrimonio arboreo cittadino, utile per la determinazione dei costi relativi alla manutenzione.

_________

Estratto dal Convegno Internazionale  “L’albero in città” - La difficile gestione di un bene comune, prospettive sostenibili - Novara, 27-28-29 marzo 2003.

Quali sono le responsabilità civili e penali a cui sono soggetti i tecnici comunali preposti alla gestione del verde pubblico?
- art. 2051 Danno cagionato da cose in custodia
Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito. 
L'art. 2051  identifica come responsabile del bene il custode stesso.
Le alberate cittadine sono sotto la custodia dell’Ente proprietario, cioè dell’Amministrazione Comunale, in questo caso è necessario da parte dell’Ente custode dimostrare alla parte lesa che è stato fatto tutto il possibile affinché il bene custodito, l’albero, non cagioni danni altrui. In caso di danni a terzi è onere del custode del bene dimostrare il fatto fortuito, in quanto è dovere del custode valutare lo stato di benessere del bene custodito, affinché non cagioni danni a terzi. Questo articolo del Codice Civile contiene in sé il concetto della prevenzione del danno.
Comportamenti che determinano responsabilità Civile possono inoltre determinare anche responsabilità Penale. Mentre la responsabilità Civile può essere garantita da copertura assicurativa, la responsabilità Penale è personale e non delegabile".

 

LE NOSTRE REFERENZE PER V.T.A.